Singhiozzo (o sulla scuola e gli spazi simbolici in tempo di pandemia)

Parte 1 – Sul “singhiozzo” Vorrei vestire per un attimo dei panni che porto da meno di un anno e che ancora mi stanno scomodi: i panni dell’insegnante. In queste vesti mi piacerebbe abbozzare l’ennesima riflessione relativamente alla pandemia. Una riflessione che parte dal mio ruolo e che d’emblée ha per oggetto il contesto scolastico,... Continue Reading →

Buon proposito 2021 (o sulla serenità)

Gira un meme sui social che recita qualcosa del genere: "Buon 2021, ma ricordate che l'anno in inglese si legge twenty-twenty WUHAN". Ripercorrendo il 2020 lo vedo fregiato da un lato dalla paura del virus e dall'altro dal virus della paura.[1] Naturalmente il nuovo giro di boa della Terra attorno al Sole non può "resettare"... Continue Reading →

Oh my love

Ho scoperto questo brano di John Lennon arrangiato in chiave vagamente jazz. Al piano un Jacky Terrasson che al minuto 2.40, con un climax di note musicali dissonanti, percorre un ponte che parte dal pianeta musicale, arpiona la profondità viscerale del corpo e culmina lassù dove Icaro si spinse con le proprie ali. Alla voce... Continue Reading →

φορά

Movimento, slancio verso... verso!? L'oltre! https://www.youtube.com/embed/bwKH35k_SXc dalla rubrica "Abitare le parole", Movimento di N. Galantino Πάντα ῥεῖ (Tutto scorre). Così uno degli allievi di Eraclito ha sintetizzato il pensiero del filosofo di Efeso (VI – V sec. a.C.). Ed è la prima espressione che viene in mente quando si parla di movimento, assieme alla nota... Continue Reading →

La paura del virus e il virus della paura

Paura. In questi giorni segnati dall’imperversare nel mondo del CoVid-19, la paura è un’emozione che circola parecchio. Il virus se la porta dietro quasi fosse la sua ombra. Un’ombra che, consciamente o inconsciamente, ineluttabile si stende. Relativamente a questo discorso, un’amica psicologa mi ha ricordato una cosa molto importante. Che dietro le nostre emozioni apparentemente... Continue Reading →

Ingoia!

Voi dite che la buona causa santifica persino la guerra? Ed io vi dico: la buona guerra santifica ogni causa (F. Nietzsche, Così parlò Zarathustra) Un adagio che sentivo ripetere ai nonni recitava che non può essere medicina un dolce intruglio. Ciò che guarisce infatti non può che essere amaro. Strani detti questi antichi. Sarà stato giusto un pretesto... Continue Reading →

Sii fedele alla terra!

Vi scongiuro, fratelli, rimanete fedeli alla terra F. Nietzsche, "Così parlò Zarathustra" Ecologia [dal greco: οἶκος, "casa" o "ambiente"; e λόγος, "discorso" o "studio"] La morale di quella splendida “favola dei tre porcellini” ci diceva solo una porzione di verità. Ci diceva in soldoni: “se vuoi fare stabile la tua casa, metti solide fondamenta con... Continue Reading →

Respira!

Le stazioni sono sempre sorprendenti luoghi di espressione dell’infinita varietà delle tinte che compongono l’abito umano. Oggi ci sono arrivato con un mood particolare, che deve aver amplificato l’effetto sorpresa. Combattuto, da una parte, tra il forte sentimento di voler fare qualcosa che abbia un impatto sociale e risulti istituente per la costruzione della nostra... Continue Reading →

Augenblick, lode all’attimo

«All’attimo direi: sei così bello, fermati! Gli evi non potranno cancellare La traccia dei miei giorni terreni. – Presentendo una gioia così alta Io godo adesso l’attimo supremo (höchsten Augenblick)»[1] Leggendo Dostoevskij mi è tornato in mente un film per il quale nutro una profonda venerazione: C’era una volta in America di Sergio Leone. Una... Continue Reading →

Creato su WordPress.com.

Su ↑